Le sette migliori fontanelle dei Sibillini… e altre ancora

 In Utilità

Una personale selezione delle fontanelle più famose nell’area dei Sibillini. Luoghi dove è obbligatorio fermarsi durante le faticose pedalate su queste bellissime montagne. Posti che alla fine diventano luoghi del cuore, perché lì abbiamo trovato refrigerio, ci siamo riposati, abbiamo bevuto osservando la natura nel suo splendore.

 

Amo le fontanelle. L’acqua che scorre fresca e limpida dalla roccia, a volte gelida perché proviene direttamente dalle viscere della montagna e non risente della temperatura torrida dell’estate. Ogni volta sembra una magia. Stai scalando una salita scoperta, sotto il sole cocente. Il sudore scorre sulla pelle e la testa sembra scoppiare per il caldo. Aspetti solo una cosa. Quella fonte che conosci bene e che sai trovarsi proprio dietro quella curva. Arrivi lì e mentre ti rinfreschi la fatica sembra scomparire.

Amo anche il gusto dell’acqua di fonte. Ogni sorgente ha il suo. Una è ricca di calcio e si sente, un’altra è molto leggera, un’altra ancora ha un gusto terroso. A me piacciono tutte. Molto di più dell’acqua di una qualsiasi bottiglietta di plastica.

Credo che uno dei piaceri del pedalare in montagna sia quello di fermarsi presso una fonte e rinfrescarsi con l’acqua che è lì a disposizione di tutti, elargita dalla natura a noi fortunati esseri umani di passaggio.

In questo articolo propongo una selezione di fonti e fontanelle presenti lungo le strade dei Sibillini. Ovviamente non ci sono solo queste. Le fonti d’acqua in questa regione sono innumerevoli e ognuno ha le sue preferite. Queste, per motivi diversi, sono le mie. Fornisco, oltre alla mappa con l’ubicazione delle fonti top, anche una con le fontanelle da me censite nelle province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata. Provvederò ad aggiornare la mappa continuamente, anche in seguito a segnalazioni dei lettori.

 

Fonte del Medico a Montegallo

Questa fonte si trova  sulla strada tra Abetito e Forca, nel Montegallo. Ricordo che fino a un paio di anni fa era segnalata solo da qualche sasso, tanto che a volte sono dovuto tornare indietro a cercarla perché mi era sfuggita. Poi è stata restaurata e quello della foto è il suo attuale aspetto. La fonte si trova praticamente in mezzo al bosco e nelle torride giornate estive il refrigerio risulta amplificato dall’ombra degli alberi. La sua acqua è veramente buona e molto molto fresca. La incontriamo nel bellissimo itinerario Il Montegallo: boschi e borghi all’ombra del Vettore.

fonte del medico montegallo

Fonte Del Medico

 

Foce di Montemonaco

Una fontanella con acqua gelida. Spesso durante l’estate percorro la bella strada per arrivare a Foce solo per godere della frescura di questo posto e della bontà della sua acqua. A dire la verità troviamo l’acqua già prima del paese, presso le sorgenti lungo la strada, ma è bello arrivare al caratteristico centro abitato. Il posto è indubbiamente suggestivo. Il piccolo laghetto, i prati, i versanti ripidi delle montagne, l’acqua che sgorga dalla fonte. Una sosta vale sicuramente la pena. Descrivo l’arrivo in questo meraviglioso luogo in L’alta valle dell’Aso, dove i monti diventano azzurri.

fonte Foce di Montemonaco

La fonte di Foce di Montemonaco

 

Fonte dei Brilli. Sarnano

Questa è una tappa obbligatoria per chi transita in bici da queste parti. Se sei in procinto di affrontare la famigerata salita di Sassotetto questa è l’ultima occasione per rifornirti di acqua fresca, che in estate ti servirà tutta per arrivare in cima. Se stai scendendo dopo aver scalato uno degli altri durissimi versanti ti fermerai qui per riempire la borraccia che sicuramente si sarà svuotata durante l’ascesa. La troviamo scendendo dal Valico di Santa Maddalena in I Piani di Ragnolo: l’Inferno e il Paradiso.

fonte dei brilli sarnano

La Fonte dei Brilli a Sarnano

 

Passo del Galluccio

Da questa fonte con abbeveratoio scorre un’acqua veramente gelida, anche in estate, tanto che è bene aspettare un po’ prima di berla, quando siamo accaldati per lo sforzo dell’ascesa a questo bellissimo valico. A volte capita di trovare un gregge di pecore ad abbeverarsi. Inoltre per accedervi occorre scendere a piedi per qualche metro sotto la strada, in mezzo al prato. Certo non è comoda e qualcuno potrebbe essere schizzinoso, ma la qualità dell’acqua che sgorga dalla montagna del Vettore è indiscutibile.

fonte passo del galluccio

Fonte presso il Passo del Galluccio

 

Fontanelle di Acquacanina

Arrivando dal Lago di Fiastra verso Bolognola, sulla sinistra, in prossimità del bivio per i Piani di Ragnolo, troviamo queste fontanelle. L’acqua è probabilmente la più buona che si possa trovare da queste parti. La portata delle fontanelle è notevole ed è quasi impossibile non trovare nessuno a riempire bottiglie. Quando ci si prepara ad affrontare la durissima ascesa ai Piani di Ragnolo, completamente scoperta, è praticamente obbligatorio fermarsi qui a riempire la borraccia e rinfrescarsi per bene prima della grande fatica che ci aspetta.

fontanelle acquacanina

Fontanelle di Acquacanina

 

Madonna della Cona

Una fonte che ben conosce chiunque abbia scalato la strada che da Castel S. Angelo sul Nera porta a Castelluccio. La salita è dura, lunga, estenuante. Arriviamo al valico di Forca di Gualdo, presso il bivio per Monte Prata. Si apre la vista sul Pian Perduto, con Castelluccio sullo sfondo e questa fonte sulla sinistra, vicino alla Chiesa della Madonna della Cona. L’acqua è ovviamente freschissima e buonissima. Purtroppo attualmente la strada in questione non è percorribile in seguito alla sequenza sismica del 2016. La speranza è che venga riaperta al più presto, perché è sicuramente una delle salite più spettacolari dell’intera regione.

fonte madonna della cona castelluccio

Fonte della Madonna della Cona

 

Fontanelle di Pescara del Tronto

Non c’è ciclista della zona che non conosca queste fontanelle. Personalmente ho preso l’acqua per l’ultima volta qui il 30 Luglio 2016. La foto è stata scattata in quell’occasione. Non potevo sapere che dopo un mese si sarebbe scatenato l’inferno. Oggi, in seguito ai numerosi e forti terremoti avvenuti dal 24 Agosto fino alla fine del 2016, il borgo di Pescara del Tronto non esiste più e probabilmente anche le fontanelle. Le ho inserite in questa rassegna perché erano un meraviglioso simbolo di questi posti. Spero veramente che tornino ad esistere e a rinfrescare chi partirà da qui per scalare le spettacolari strade dei Sibillini.

pescara del tronto fontanelle

Le fontanelle di Pescara del Tronto

 

Se ti è piaciuto questo articolo ti chiedo di condividerlo con i tuoi amici tramite i pulsanti social presenti qui sotto. In questo modo darai il tuo contributo alla crescita di questo blog. Grazie.


Post recenti

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca