Matelica e le colline senza tempo

 In Itinerari corti

Matelica come punto di partenza per un itinerario su strade silenziose e a volte dimenticate, che ci porteranno a pedalare tra belle colline e borghi dove il tempo sembra essersi fermato. Le salite mai troppo impegnative, i panorami mozzafiato, l’attraversamento di luoghi turistici come Pioraco e di borghi disabitati e suggestivi come Palazzo. 

 

Tabella riassuntiva del percorso
Lunghezza 62,1  km
Aumento di quota stimato    che significa? 1450 m
Quota minima 286 m
Quota massima 740 m
Pendenza massima 12%
Tabella chilometrica  tabella
Salite principali  
Acquosi Alto da Matelica  altimetria
Crispiero da Castelraimondo  altimetria
La Morca da Fiuminata  altimetria

matelica-profilo-altimetrico

 

Partiamo dalla bellissima cittadina di Matelica, ottima base per il cicloturismo nelle zone interne del territorio marchigiano. Siamo al cospetto del Monte San Vicino, a due passi dal Parco Regionale della Gola della Rossa e i Sibillini non sono affatto lontani. Il giro di oggi però non interesserà le montagne, che pure ci faranno sempre compagnia dall’alto. Oggi affronteremo un percorso tranquillo, senza grandi salite, ma non per questo senza grandi emozioni.

Affrontiamo subito la prima salita della giornata. L’ascesa verso Acquosi. Si sale gradualmente e la vista si allarga sulla vallata dell’Esino e su Matelica. Dopo circa quattro chilometri svoltiamo a sinistra, lasciando la strada principale per dirigerci verso Acquosi Alto. Qualche tornante e le pendenze che aumentano, senza mai superare il 12%, e in un chilometro siamo allo svalico. La discesa per tornare alla strada principale è ripida e tortuosa e richiede la massima attenzione.

altimetria-salita-acquosi-matelica

matelica

Salendo verso Acquosi ci lasciamo alle spalle la valle dell’Esino e Matelica

Scendiamo ancora, in maniera rilassante, verso il fondovalle del Potenza, che raggiungiamo in località Selvalagli. Qui prendiamo la SP361, la Strada Septempedana, per arrivare a Castelraimondo, dove affrontiamo la salita per Crispiero. L’ascesa è subito impegnativa, con diverse rampe con pendenza a doppia cifra, per poi diventare più dolce e pedalabile nella seconda metà. Il piccolo borgo di Crispiero appare quasi all’improvviso e sembra sonnecchiare senza essere disturbato dal nostro passaggio.

altimetria-salita-crispiero-castelraimondo

La vista salendo verso Crispiero da Castelraimondo

La vista salendo verso Crispiero da Castelraimondo

Arrivando al borgo di Crispiero

Arrivando al borgo di Crispiero

Inizia adesso un tratto di circa 6 chilometri di tipici sali-scendi attraverso silenziose e a volte inquietanti colline verdi. Il silenzio è una presenza costante e il girare della catena e le gomme sull’asfalto non sempre liscio sono gli unici suoni. Presso Sabbieta Alta lasciamo la SP22 per scendere sulla destra verso il piccolo borgo di Sabbieta di Sotto, che attraversiamo con rispetto mentre un cane abbaia stupito e disturbato dalla presenza di questi estranei.

La Chiesa del SS Salvatore di Sabbieta di Sotto

La Chiesa del SS Salvatore di Sabbieta di Sotto

La facilità della salita verso Camerino ci consente di osservare con commozione il profilo di questa bellissima cittadina, deturpata dagli eventi sismici del 2016. Oggi purtroppo ancora non è possibile attraversare il suo bellissimo centro storico, sede dell’arrivo della bellissima Granfondo Terre dei Varano fino al 2016. Svalichiamo presso il quartiere Le Mosse e affrontiamo la lunga e divertente discesa che ci porterà in località Torre del Parco, dove riprendiamo la Strada Septempedana in direzione monti.

La silenziosa strada tra Sabbieta e Camerino

La silenziosa strada tra Sabbieta e Camerino

Avvicinandosi a Camerino

Avvicinandosi a Camerino

Come in I Varano. Camerino e l’altopiano di Montelago , ci inoltriamo nella stretta valle, che diventa poi una vera e propria gola tra due possenti pareti di roccia, per arrivare al meraviglioso borgo di Pioraco, dove una sosta è d’obbligo, per rifornirsi al bar, riempire la borraccia e fare una foto alla vallata che qui sembra acquistare sembianze elvetiche, tanto da essere conosciuta come la “Svizzera delle Marche”.

La valle del Potenza presso Pioraco

La valle del Potenza presso Pioraco

Proseguiamo per Fiuminata, dove, presso una fontana con abbeveratoio sulla sinistra, inizia l’ultima fatica della giornata. L’ascesa al valico della Morca. Quattro chilometri con pendenza media prossima al 7% ci portano al punto più alto del percorso che ci riporterà a Matelica. Il primo chilometro è molto agevole, poi avremo pendenze quasi sempre oltre il 7%, con frequenti rampe a doppia cifra. Come sempre in questo itinerario siamo colpiti dal silenzio e dalla sensazione di essere fuori dal mondo. Davanti a noi solo la strada e la boscaglia sulle colline disabitate. Senza troppe difficoltà raggiungiamo i 740 metri del valico e ci prepariamo alla discesa verso Esanatoglia e Matelica.altimetria-salita-la-morca-fiuminata

Fiuminata verso Morca

A Fiuminata inizia la strada verso il valico La Morca

La bellissima e silenziosa ascesa verso La Morca

La bellissima e silenziosa ascesa verso La Morca

La discesa appare subito pericolosa a causa del manto stradale a volte dissestato. Obbligatorio fare attenzione e non prendere eccessiva velocità. Dopo un paio di chilometri giungiamo in vista di un piccolo borgo sulla sinistra che ci invita a fermarci e a fare una piccola deviazione per osservarlo da vicino. Il castello domina la frazione di Palazzo, oggi disabitata, ma forse anche per questo molto suggestiva ed emozionante per chi ci arriva pedalando.

Palazzo esanatoglia

Il suggestivo borgo di Palazzo invita a una sosta

Scorcio del borgo di Palazzo, frazione di Esanatoglia

Scorcio del borgo di Palazzo, frazione di Esanatoglia

Continuiamo la discesa fino alle porte di Esanatoglia, dove prendiamo la SP71 per rientrare agevolmente e in defaticamento a Matelica, con il Monte San Vicino che ci osserva dall’alto, aspettandoci e sfidandoci per la prossima pedalata.

tornando a Matelica da Esanatoglia

La tranquilla strada del ritorno a Matelica con il Monte San Vicino sullo sfondo

Se ti è piaciuto questo articolo ti chiedo di condividerlo con i tuoi amici tramite i pulsanti social presenti qui sotto. In questo modo darai il tuo contributo alla crescita di questo blog. Grazie.

Post suggeriti
Showing 2 comments
  • Graziano Ronchi
    Rispondi

    bello, conosco il giro e ne confermo la bellezza. quando scendo da Camerino verso Torre del Parco preferisco passare per Mergnano e Mecciano, per questa strada il traffico è quasi inesistente. Da Torre del Parco procedendo verso Pioraco , merita la visita Il Castello di Lanciano. Quando arrivi a Pioraco, una interessante variante-forse più breve ma altrettanto bella- ti porta a visitare le falesia di Pioraco (luogo di arrampicata) e da lì parte una salita spaccagambe con asfalto abbastanza dissestato che ti porta a Costa, Castel Sant’ Angelo e quindi Castel Santa Maria……poi puoi proseguire in quella valle appartata e splendida alle falde del versante orientale del Monte Gemmo fino a Matelica. A chi non conosce questa valle, ne consiglio vivamente la visita, e magari con sosta ad alcuna aziende vinicole che la impreziosiscono prima che i lavori della nuova strada ne deturpino la bellezza . Buona strada- Graziano

    • Fabio Marziali
      Rispondi

      Appena possible andrò a percorrere la variante di Pioraco di cui parli. In realtà avevo preso in considerazione Mergnano, poi non l’ho messa per via del fondo stradale non molto buono. Comunque grazie per il tuo contributo e buone pedalate!

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca