I Piani di Ragnolo: l’Inferno e il Paradiso

 In Itinerari lunghi

I Piani di Ragnolo raggiunti attraverso la via più impegnativa. Lunghi tratti dalle pendenze infernali per arrivare al paradiso di uno dei luoghi più spettacolari dei Sibillini. Nel finale una variante atipica, la bella salita su “strada bianca” da Sarnano a Garulla.

 

Tabella riassuntiva del percorso
Lunghezza 76,3 km
Aumento di quota stimato    che significa? 2000 m
Quota minima 447 m
Quota massima 1509 m
Pendenza massima 17%
Tabella chilometrica  tabella
Traccia gpx     tutorial download
Salite principali  
Piani di Ragnolo da Callarella (Sarnano)  altimetria
Garulla Inferiore da Sarnano  altimetria

profilo altimetrico piani di ragnolo garulla

 

Per questo itinerario molto impegnativo ho fissato la partenza a Comunanza, base ideale per il cicloturismo nei Sibillini. La prima facile salita verso Casa Tasso è una sorta di riscaldamento. La giornata sarà difficile, quindi non è il caso di sforzarsi tanto qui. Mentre proseguiamo per Amandola davanti a noi appaiono le cime dei Sibillini che andremo ad affrontare più tardi. I Piani di Ragnolo sono proprio dietro quei picchi e ci aspettano.

Sibillini andando verso Amandola

Andando verso Amandola osserviamo le montagne che ci aspettano

Superata Amandola affrontiamo la prima fatica della giornata: la salita al valico Rustici. Sono circa 2,5 chilometri facili da pedalare, con le ultime centinaia di metri al 9%. Proprio in prossimità del valico c’è la famosa fontana di Rustici, conosciuta da tutti i ciclisti della zona. La discesa è tranquilla, anche se occorre fare attenzione al fondo stradale, a volte pericoloso. Dopo una curva secca a sinistra affrontiamo lo strappo di Cardagnano per poi scivolare via lungo un rettilineo che ci porta in vista del caratteristico borgo di Sarnano.

sarnano sibillini

Il borgo di Sarnano

Una breve e facile salita e raggiungiamo il paese. Sulla sinistra troviamo una fonte di acqua freschissima che in pratica costituisce l’ultimo rifornimento possibile prima della terribile ascesa ai Piani di Ragnolo. Dopo lo scollinamento inizia un tratto misto di discesa e poi leggera salita che ci porta presso la zona industriale di Callarella. Giriamo a Sinistra (attenzione!) presso la fabbrica Laminox e dopo qualche centinaio di metri, al bivio per Campanotico, troviamo la Porta dell’Inferno.

salita piani di ragnolo

Inizia la salita ai Piani di Ragnolo

La salita verso i Piani di Ragnolo è lunga quasi 12 km, la pendenza media è 8,3%. Da questi due dati potrebbe apparire non molto impegnativa. Il problema è che non è costante. Per evidenziare questo ho voluto dividerla in due segmenti ideali. Il primo è lungo quasi 7 chilometri e la sua pendenza media è 10,5%! Fino al bivio per la Grotta di Soffiano abbiamo una serie di rampe durissime che si alternano a piccoli tratti quasi pianeggianti. Poi la pendenza si manterrà praticamente sempre a doppia cifra fino alla fine del segmento, al km 6,8. Ciò che caratterizza questo segmento è il susseguirsi dei tornanti, a volte strettissimi, che si inerpicano sul fianco della montagna. La presenza della fitta boscaglia ha l’effetto di lasciar scoprire poco il panorama sottostante, ma ci regala preziosi tratti ombreggiati che alleviano la fatica mostruosa. Il tratto più difficile è quello dei tornanti in prossimità della fonte Brunforte, dove troviamo anche un piccolo spiazzo, che consente di fare una piccola sosta per bere e rifiatare. Qui si raggiunge la pendenza massima, 17%.

altimetria salita piani di ragnolo da callarella

tornanti verso i piani di ragnolo

I tornanti si susseguono verso i Piani di Ragnolo

Tornante con fonte brunforte

La fonte Brunforte appare oltre il terribile tornante al 17%

Raggiungiamo i primi prati e inizia il secondo segmento, caratterizzato da rettilinei con pendenze molto più abbordabili. Qui ci si può rilassare e salire osservando il panorama mozzafiato, fermandosi anche a fare foto o a respirare l’aria della montagna (nel primo tratto fermarsi è difficile, ripartire quasi impossibile). Dietro di noi tutta la fascia collinare marchigiana e la costa adriatica. A sinistra il Pizzo di Chioggia e i Sibillini. A destra il lago di Fiastra e le terre del Ducato di Camerino. Davanti a noi i Piani di Ragnolo, con i suoi bellissimi campi coltivati in alta quota.

piani di ragnolo

La fine del tratto duro presso i Piani di Ragnolo

Panorama dai Piani di Ragnolo

Panorama dai Piani di Ragnolo

Proseguiamo affrontando qualche rampa al 10% e rettilinei pedalabili fino allo scollinamento. Qui si apre una vista sui Sibillini ancora più spettacolare. Spicca la strada che da Pintura di Bolognola punta al rifugio del Fargno. E’ obbligatorio fermarsi per fare una foto e godersi la vista e il silenzio. Dopo l’Inferno, il Paradiso…

Piani di Ragnolo

Ci avviciniamo al GPM dei Piani di Ragnolo

piani di ragnolo

Balle di fieno presso i Prati di Ragnolo

I Sibillini dal valico presso i Piani di Ragnolo

I Sibillini dal valico presso i Piani di Ragnolo

La discesa verso Sarnano, dopo il Valico di Santa Maria Maddalena, è lunga, tecnica e meravigliosa. Occorre fare attenzione solo al fondo stradale un po dissestato fino al bivio di Sassotetto, poi l’asfalto diventa ottimo. Una breve sosta alla Fonte dei Brilli e si riparte. A questo punto ho voluto inserire una variante che comprende l’ascesa alla località Garulla. Questa strada è caratterizzata dal fondo fortemente dissestato, tanto da diventare praticamente una “strada bianca”. Chi non vuole affrontare questo tipo di strada può tranquillamente ripercorrere al contrario la via dell’andata, da Sarnano verso il Passo Rustici (salita di circa 3 chilometri pedalabile con pendenza intorno al 9% nel tratto iniziale), poi Amandola per arrivare a Comunanza.

casetta valico santa maria maddalena

Casetta presso il valico di Santa Maria Maddalena

sassotetto tornanti

I tornanti di Sassotetto

La salita per Garulla è bella, molto discontinua nei primi 3,5 chilometri, poi con una pendenza stabile poco sotto il 10% nell’ultimo chilometro e mezzo. Si passa in mezzo al bosco, con tratti in cui il panorama si apre sulla montagna che si eleva subito a destra. La pendenza massima, 15%, si raggiunge subito dopo il piccolo centro abitato di Bisio. La caratteristica di questa salita è il fondo stradale. Un tempo era asfaltato, ma poi si è rovinato fino ad assumere l’aspetto della strada bianca. Salire con la bicicletta da corsa è possibile, ma occorre prestare la massima attenzione per mantenere l’equilibrio. Le automobili sono veramente poche e questo aiuta.

altimetria salita garulla da sarnano

Salita di Garulla da Sarnano

La strada lungo la salita per Garulla da Sarnano

bisio

La strada si inoltra nel bosco presso Bisio

Scolliniamo a Garulla Inferiore, presso una fontana con acqua freschissima e prendiamo la strada ben asfaltata per Amandola. La discesa è tecnica e molto piacevole, con un’infinità di curve che si susseguono senza sosta. Anche qui il panorama è notevole.

Discesa da Garulla

La discesa tecnica da Garulla verso Amandola

Dopo la discesa e un tratto misto presso Case Innamorati, inizia la salita verso il meraviglioso borgo di Montefortino, dove vale la pena fermarsi a scattare qualche foto e a rifocillarsi al bar. Si ritorna a Comunanza passando per le località Bussonico e Baldoni, lungo il percorso già descritto in Il respiro della montagna. La Sibilla e Isola San Biagio.

Il bellissimo borgo di Montefortino

Alla fine avremo percorso meno di 80 chilometri, ma il dislivello totale sarà di circa 2000 metri. Saremo sicuramente stanchi, ma con la bella sensazione di aver superato l’Inferno per vedere un angolo del Paradiso.

 

Se ti è piaciuto questo articolo ti chiedo di condividerlo con i tuoi amici tramite i pulsanti social presenti qui sotto. In questo modo darai il tuo contributo alla crescita di questo blog. Grazie.

Post suggeriti

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca