La strada della Sibilla

 In Altimetrie

L’ascesa al mitico Monte Sibilla lungo la sua spettacolare e criticata strada. Un’esperienza unica, tra le più affascinanti da fare nell’area dei Sibillini. La vista sulle valli dell’Aso e del Tenna. La sensazione di trovarsi in un mondo magico e fatato. La soddisfazione di arrivare ben oltre i 2000 metri di quota. Benvenuti nel regno di Sibilla e delle sue Fate!

Tabella riassuntiva
Lunghezza 12,16 km
Aumento di quota 1140 m
Perdita di quota 4 m
Quota minima 975 m
Quota massima 2111 m
Pendenza media 9,4%
Pendenza massima 18%
Traccia gpx download

 

altimetria-sibilla

Sibilla, la regina di un mitico regno sotterraneo fuori dal tempo, a cui si accedeva tramite la famosa grotta, spesso per non tornare più. Sibilla, la sacerdotessa che prediva il futuro. Sibilla, la maga accompagnata dalle Fate, misteriose creature che scendevano a valle per incontrarsi con i pastori, apparendo loro come donne bellissime. Sibilla, la regina che poteva essere benevola o terribile e che incuteva timore agli abitanti di queste terre bellissime e spietate. Ho già parlato della leggenda in Le fate dei Sibillini e in L’Anello dei Sibillini.

foce di montemonaco

Il Monte Sibilla da Foce di Montemonaco

Oggi Sibilla è solo il nome di una montagna, ma non una montagna qualunque. Il fascino della sua leggenda e delle sue storie misteriose sopravvive e difficilmente si può salire sui suoi fianchi senza rimanerne suggestionati. Sicuramente un ruolo importante viene esercitato dai repentini cambiamenti delle condizioni atmosferiche. Qui in un attimo si passa dal cielo azzurro alla nebbia fittissima e alle nuvole nere e tempestose. Il vento si alza all’improvviso, passando dalla quiete più assoluta alla bufera più spaventosa. In pochi minuti dall’essere accaldati e sudati ci si ritrova con i brividi di freddo gelido.

montemonaco

La Sibilla innevata fa da sfondo al borgo di Montemonaco

Sibilla la Montagna mi appare comunque come una divinità femminile dal carattere forte, a volte capriccioso, sicuramente da trattare con rispetto. Ella può accoglierti, ma difficilmente ti renderà le cose facili. Tenterà di dissuaderti, di farti cambiare idea, di obbligarti a girare e tornare indietro, inducendoti a pensare che stai facendo una grossa stupidaggine ad avventurarti lassù, nel suo regno. Non posso fare a meno di pensare che l’apparente ostilità di Sibilla nei confronti del viaggiatore sia anche dovuta alla realizzazione, negli anni ’60, della strada che da Collina di Montemonaco porta fino alla sua cresta. La strada appare come una vera e propria ferita che attraversa a zigzag tutto il versante sud. Alcuni l’hanno definita un inutile sfregio. Difficile non essere d’accordo e non sentire, percorrendola, di provocare in qualche modo una sofferenza alla nostra Dea Montagna.

monte-sibilla

Il versante del Monte Sibilla con tutta la strada che mi preparo ad affrontare

L’idea che mi frullava in testa da tempo era quella di salire fino in cima con la mia bici gravel. Diverse volte ci avevo provato, ma Sibilla, in diversi modi, mi aveva sempre respinto. La prima volta avevo tentato con una vecchia bici da ciclocross e mi ero fermato dopo il Rifugio Sibilla, dove la breccia diventava troppo grossa per i miei rapporti e le mie gambe. Ci avevo riprovato, fermandomi stavolta a quasi 1800 metri di quota, in vista della famosa Corona. Poi ero andato con la nuova gravel, molto più adatta, ma ero partito dal mare e avevo girato presso il Rifugio Sibilla, a quota 1540 m, perché mi ero reso conto che proseguendo non sarei riuscito a tornare a casa prima di notte. In una bella giornata di Inverno ho anche tentato di affrontare la strada parzialmente innevata. Purtroppo mi sono dovuto arrendere alla fatica di spingere le ruote che affondavano, come sulla sabbia.

sibilla-strada-corona

Sul tratto finale della salita con la bici da ciclocross. Appare la caratteristica Corona della Sibilla

strada-monte-sibilla-neve

Sulla strada della Sibilla innevata.
Foto di Lucio Griccini.

Avevo tentato. Non avevo raggiunto l’obiettivo finale, ma non avevo mai finito per sentirmi deluso. Ogni volta avevo provato sensazioni diverse, sempre bellissime. Avevo condiviso l’ascesa con un amico. Avevo provato la bellezza della completa solitudine nella natura. Avevo incontrato amici virtuali dei social che nel mondo magico di Sibilla erano diventati persone reali. Sentivo come mai prima che il senso del viaggio è nel viaggio stesso e non nella destinazione.

Così, in un bel sabato di inizio Giugno, parto per l’ennesimo tentativo, consapevole che, per quanto mi possa impegnare, Sibilla potrebbe rifiutarmi ancora una volta. Il cielo è limpido, di un azzurro intenso e privo di nuvole. La tranquilla ascesa da Comunanza a Montemonaco è già uno spettacolo, con i Sibillini che si rispecchiano nel Lago di Gerosa.

lago-di-gerosa

Il lago di Gerosa

Subito dopo Collina di Montemonaco, sulla sinistra, inizia la strada bianca. Il cartello marrone recita “Monte Sibilla”. Comincia l’ascesa. L’altimetria della salita incute timore. I dati parlano chiaro: lunghezza 12,2 km, guadagno di quota 1140 m, pendenza media 9,4%. Cerco di non pensarci mentre riempio la borraccia presso la fresca e panoramica fonte sotto la strada nel tratto iniziale. In cuor mio spero che la prossima fonte, quella presso il Rifugio Sibilla, sia aperta, perché altrimenti potrei finire l’acqua prima di arrivare alla cima, aggiungendo un’altra difficoltà. Intanto qualche nuvoletta bianca si è formata presso la cima della montagna. Speriamo bene!

inizio-strada-sibilla

Inizia la strada brecciata del Monte Sibilla

fonte-sibilla

L’abbeveratoio della fonte all’inizio della strada della Sibilla

Ben presto la pendenza inizia a salire: 12%, 13%, poi 14%. Il fondo stradale però sembra buono. Gli alberi creano una piacevole ombra e i tornanti si susseguono, aiutandomi psicologicamente. Riesco a prendere un buon ritmo e salgo con evidente soddisfazione. Intanto la vista sulla strada percorsa e sulle colline fino al mare mi mette addosso la solita piacevole euforia.

strada-monte-sibilla

Salendo lungo la spettacolare strada della Sibilla.
Foto di Lucio Griccini.

strada-monte-sibilla

La vista si apre sempre di più salendo verso il Rifugio Sibilla

Arrivo al Rifugio Sibilla, a quota 1540 m, e scopro con piacere che l’acqua sgorga, anche se debolmente, dalla sua fonte. Ne approfitto per rifiatare qualche minuto e riparto senza pensarci troppo. Nel frattempo le nuvole si sono ingrandite, diventando grigie e minacciose. Prego a bassa voce Sibilla che non mi respinga con una delle sue tempeste improvvise.

fonte-rifugio-sibilla

La fonte presso il Rifugio Sibilla

Inizia un lungo rettilineo, di un paio di chilometri. Questo è il taglio che si vede anche dal Gran Sasso. La ferita principale sul fianco di Sibilla. Lo percorro come in punta di piedi per non disturbarla. Il sole non si vede più. Avverto qualche brivido per un’improvvisa folata di vento fresco sul mio corpo sudato. Una breve e durissima rampa al 18%. Sibilla mi sta mettendo alla prova. Non demordo, coccolandomi con la vista sulla sinistra, l’ultima parte della valle dell’Aso, con Foce di Montemonaco in basso.

valle-aso-da-monte-sibilla

La vista sulla valle dell’Aso e Foce di Montemonaco dalla strada della Sibilla

Finisce il rettilineo, presso il bivio per il Rifugio della Banditella. Un paio di tornanti difficili, con pendenza sopra il 10% e con la breccia che diventa grossolana e insidiosa. A un certo punto incontro una frana, presso la quale la strada ha ceduto. Mi metto la bici in spalla e la supero camminando. Ascolto le pietre che ruzzolano in basso nel silenzio totale.

frana-strada-sibilla

La strada interessata dall’accumulo della frana sovrastante

frana-strada-sibilla

Il punto in cui la strada è franata. Qui ci si carica la bici in spalla e si prosegue a piedi per qualche decina di metri

Proseguo. La strada adesso è veramente difficile. Le pietre diventano sempre più grosse e rendono l’ascesa un continuo gioco di equilibrio. L’affanno si sente ancora di più a causa dell’altitudine. Siamo quasi a 2000 metri sul livello del mare. La nuvola grigia sta invadendo tutto lo spazio visivo. Il panorama scompare. Sono solo, con Sibilla.

strada-monte-sibilla

Nell’ultimo tratto della salita la difficoltà aumenta per la presenza di grosse pietre

Ancora un paio di tornanti e ancora pendenze che superano il 10%. Poi un rettilineo finale, in cui il fondo migliora considerevolmente. Un’ultima svolta a destra e sono su uno spiazzo erboso. La fine della strada. La vista si apre anche sulla valle del Tenna. C’è un sentiero sulla destra. Lo prendo, un po’ pedalando, un po’ con la bici in spalla, e dopo qualche centinaio di metri sono sulla cresta, oltre i 2100 metri di altezza. La foto è obbligatoria. A sinistra il sereno, a destra la nuvola grigia. L’immagine fisserà per sempre un momento meraviglioso. Grazie Sibilla!

strada-sibilla-punto-più-alto

Il punto più alto della strada della Sibilla

sibilla-panorama

La vista sulla valle del Tenna dalla Sibilla

cresta-sibilla

Sulla cresta della Sibilla

Rimango un po’ a godermi il silenzio e la vista spettacolare. Non voglio che finisca. Poi alla fine mi decido a tornare indietro e ad affrontare la discesa, bella, lunga e a volte impegnativa, perché con Sibilla niente è facile, niente è scontato, ma tutto è speciale. Provare per credere!

sibilla-discesa

Scendendo dalla Sibilla
Foto di Lucio Griccini.

Se ti è piaciuto questo articolo ti chiedo di condividerlo con i tuoi amici tramite i pulsanti social presenti qui sotto. In questo modo darai il tuo contributo alla crescita di questo blog. Grazie.

Post suggeriti
Showing 4 comments
  • Andrea Ilari
    Rispondi

    Grazie Fabio per aver condiviso questa esperienza

    • Fabio Marziali
      Rispondi

      Grazie a te. Ci si vede per strada!

  • Davide Falcioni
    Rispondi

    Ciao, con che rapporto sei saluto?

    • Fabio Marziali
      Rispondi

      Avevo 30 davanti e 34 dietro, ma non mi sarebbe dispiaciuto avere qualche pignone in più!

Leave a Comment

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca